La storia di Callipo e del gruppo aziendale

A Pizzo nel 1913 ha inizio una storia antica di mare, di uomini e di passione per la qualità, quando il fondatore Giacinto Callipo dà vita all’azienda, prima in Calabria e tra le prime in Italia ad inscatolare il pregiato Tonno del Mediterraneo. L’azienda ora è guidata da Filippo Callipo che rappresenta la quarta generazione della famiglia. Con lui la Callipo è cresciuta in pochi anni in termini di fatturato e si è consolidata sul mercato nazionale ed estero. Filippo Callipo è ora a capo di un gruppo societario di 6 aziende che occupano oltre 300 addetti. L’azienda lavora due tipologie di tonno: il Tonno Yellowfin ed il Tonno Rosso del Mediterraneo. La specie yellowfin, pescata negli oceani Atlantico, Pacifico e Indiano, è caratterizzata da una carne tenera, compatta e di colore rosa chiaro, piuttosto magra. Si selezionano solo le parti migliori e la produzione viene effettuata completamente in Italia: dalla cottura a vapore, per mantenere inalterate le proprietà nutrizionali, all’attenta pulitura dei tranci fino alla stagionatura, prolungata per diversi mesi affinché il tonno Callipo possa sprigionare la sua inconfondibile fragranza al momento del consumo. Il Tonno Rosso, pescato nel mar Mediterraneo, viene lavorato direttamente dal fresco e si caratterizza per la carne di colore rosso intenso, la compattezza ed il gusto saporito, tanto apprezzato dagli intenditori. È lo stesso tonno che, nei tempi antichi, veniva pescato attraverso le Tonnare, che per la cittadina di Pizzo furono una grande fonte di ricchezza per le ampie disponibilità di lavoro, non limitate al solo periodo della pesca ma estese a tutto l’arco dell’anno. Il sistema di reti a forma di rettangolo chiamato “isola” era composto da una serie di camere comunicanti, cinque in tutto, attraverso le quali i tonni venivano avviati verso l’ultima, posta a ponente, denominata ‘camera della morte’, l’unica ad avere la rete anche sul fondo.
Angela Cosentino 3B

Precedente Tonno Callipo Job Interview Successivo La dogana in Calabria